Il 6 Dicembre 1994, al termine dell’ennesima requisitoria di uno dei processi nati dall’operazione del pool Mani pulite, il giudice Antonio Di Pietro, annuncia, levandosi la toga in favore delle telecamere, le sue dimissioni dalla magistratura. Le immagini fanno il giro del mondo. Di Pietro si dimette, con motivazioni ancora oggi non del tutto chiarite. E’ probabile che fughe di notizie, indagini degli inquisiti potessero ledere l’immagine della Procura di Milano e del suo instancabile lavoro. A questo forse si possono ascrivere le dimissioni di Di Pietro.