Sono le parole utilizzate da Gino Paoli, che ha cantato Il nostro concerto, di Bindi, accompagnato da Danilo Rea durante una delle serate del Festival di Sanremo 2014. Il riferimento è all’ostracismo che Bindi scontò in vita a causa della sua dichiarata omosessualità.