Il “profeta della Pace” o il “Vescovo della tenerezza”, come lo chiamavano in molti. A sedici anni dalla sua scomparsa, ripercorriamo la figura del Vescovo di Molfetta, che fu anche Presidente Nazionale di Pax Christi.

Coerente con le sue scelte di cristiano, il suo sogno era quello di una ‘chiesa del grembiule’ al servizio degli umili, come affermava egli stesso, e non una Chiesa del potere.

Don Tonino dedica la sua esistenza agli emarginati, ai poveri e sofferenti e negli anni ’80 inizia a battersi contro le guerre. Solo un cancro indomabile riuscirà a fermarlo il 20 aprile del 1993.

Il suo esempio continua a parlare al mondo di oggi. Attualmente è in corso il suo processo di beatificazione.