Gaetano Badalamenti nasce a Cinisi nel 1923. Diventa numero uno di Cosa nostra negli anni ‘ 70, quando viene eletto al vertice della cupola. Nel 1981 è costretto a scappare dalla Sicilia: andrà in Brasile, dove incontrerà Buscetta e, poi, in Spagna, dove nel 1984 viene arrestato ed estradato negli Stati Uniti. Quando è morto, il boss stava scontando una pena a 45 anni di reclusione nel carcere federale di Fairton Felicia Bartolotta incrociò Tano Badalamenti nel primo giorno del processo per la morte di Peppino Impastato.. Lo guardò dritto negli occhi e lo costrinse ad abbassare lo sguardo. Gli disse con rabbia: «Vergognati».