Sergio Citti, uno dei migliori amici di Pier Paolo Pasolini, riteneva di sapere cosa accadde la notte del 1 novembre del 1975 in cui il poeta fu ucciso. La racconto’ al Corriere della Sera, a Rinascita e ad altre pubblicazioni nel maggio del 2005, quando si torno’ a parlare dell’omicidio per un’intervista televisiva a Pino Pelosi. E la racconto’ anche ai magistrati della Procura di Roma che il 13 settembre scorso 2005 hanno predisposto la richiesta di archiviazione della terza inchiesta sull’omicidio di Pasolini. Citti fu stretto collaboratore di Pier Paolo Pasolini in quasi tutti i suoi film. Citti fu autore assieme a Pasolini delle sceneggiature di Salò o le 120 giornate di Sodoma, di Mamma Roma e di Accattone (per il quale fu anche attore) e aiuto regia nei lavori successivi dell’amico. Tra i lavori più famosi di Citti Storie scellerate e Il minestrone, quest’ultimo con un Benigni alle prime prove.