Serafina Battaglia è la prima donna a infrangere il muro dell’omertà mafiosa. E lo fa per vendicare l’assassinio del figlio Salvatore. In tribunale rivela tutto quello che sa, indicando i nomi di assassini, mandanti ed esecutori. Da quel momento diventa testimone implacabile in moltissimi processi.