Le dichiarazioni sono tratte dall’articolo Rosa Berlusconi e il suo Silvio “Sono una mamma semplice”, su La Repubblica del 3 Febbraio 2008, di Giovanni Gagliardi. A proposito della madre Berlusconi narra un episodio,  riportato anche nell’opuscolo Una storia italiana, di lei incinta su un treno, con il mitra di un soldato nazista spianato davanti, che urlava: “Se uccidi me da questo treno non uscirai vivo”. O ancora, ospite di Bonolis su Canale 5, quando raccontava della mamma che entrava in piena notte in camera da letto del suo Silvio che faticava ad addormentarsi per le preoccupazioni dell’ormai imminente discesa in campo e gli diceva: “Se tu ritieni di farlo, devi trovare il coraggio di farlo”. Per gli 80 anni, Silvio le fece recapitare a casa una scultura di Madonna con Bambino di Alceo Dossena: “Il bambinello che ti porge la rosellina sono io – le disse – mentre tu sei la Madonnina”.

Nata il 25 gennaio 1911, milanese, professione segretaria, la signora Rosa sposò Luigi Berlusconi da cui ebbe i tre figli. Rimasta vedova nel 1989, è stata sempre molto vicina a Silvio negli anni del suo impegno in politica, mandandogli e ricevendo continui messaggi pubblici di amore e affetto.