Raffaele Granata, 70 anni, titolare dello stabilimento balneare ”La Fiorente” viene ucciso dalla camorra per aver detto no ad un tentativo di estorsione.  Ma Granata aveva anche denunciato alle autorità intimidazioni e richieste di denaro nel 1992, sempre da parte dei Casalesi, organizzazione camorristica egemone sul litorale Domiziano, tra Castelvolturno e i territori del Napoletano confinanti.