A Nassiriya, in Iraq, alle 10.40 del mattino (8.40 in Italia), un camion forza il posto di blocco all’entrata della base italiana «Maestrale», che ospita la missione «Antica Babilonia», e prosegue la sua corsa sino alla palazzina di tre piani in cui si trova il dipartimento logistico. Inizia uno scontro a fuoco; da dietro il camion arriva un’autobomba carica di 300 chili di esplosivo. Nell’esplosione rimangono uccise 28 persone: 12 militari dell’Arma, cinque dell’Esercito, due civili italiani (tra cui il regista Stefano Rolla, arrivato con una troupe per girare un documentario) e nove iracheni. A compiere l’attentato quattro kamikaze a bordo dei due veicoli. . Il 12 novembre 2009 il Parlamento italiano istituisce la Giornata del ricordo dei caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace. Nei tre anni successivi a Nassiriya le truppe italiane furono impegnate in molti altri combattimenti e coinvolte in altri attentati. Nell’aprile 2006 quattro militari italiani e un rumeno vennero uccisi da una bomba mentre si trovavano su un veicolo in pattugliamento.

Nell’ultimo periodo di permanenza a Nassiriya gli attacchi divennero sempre più numerosi con lanci di missili e colpi di mortaio sparati contro la base fuori città. L’operazione Antica Babilonia terminò ufficialmente il primo dicembre 2006. In tutto, 33 italiani furono uccisi nel corso della missione. Nassiryia – Per non dimenticare è una miniserie televisiva in 2 puntate andata in onda lunedì 12 e martedì 13 marzo 2007 su Canale5. 20 sigarette è un film del 2010 diretto da Aureliano Amadei, tratto dal romanzo Venti sigarette a Nassirya scritto dallo stesso Amadei con Francesco Trento. Il film narra la vicenda autobiografica dello scrittore-regista, coinvolto nell’attentato.