L’episodio è raccontato da Bruno Vespa nel libro “Il cuore e la spada”.