Si stima che la guerra per il controllo degli appalti pubblici e del traffico di eroina ha causato in Calabria più di duemila morti.