Paolo Bottone era titolare insieme al padre dell’ISAVIA, una ditta di manutenzioni industriali. Probabilmente il delitto è dovuto al rifiuto di pagare il pizzo. Per scovare gli assassini di suo figlio il padre riempì di manifesti la città di Palermo e mise anche una taglia. Ma senza successo.