29 Gennaio 2012, politico. Scalfaro lo racconta al giornalista Marzio Breda nell’articolo “Un caffè a Piazza dei Martiri” del Corriere della Sera del 5 Gennaio 1999. Eletto Capo dello Stato l 25 Maggio 1992, tre mesi dopo lo scoppio di Tangentopoli, Oscar Luigi Scalfaro, nato a Novara il 9 Settembre del 1918, fu chiamato a traghettare l’Italia nel passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica e dalla lira all’Euro. Sospettato di essere coinvolto nello scandalo dei fondi neri del Sisde, il 3 Novembre 1993, in un messaggio televisivo alla nazione, si difese affermando: “A questo gioco al massacro io non ci sto!”. Denunciava una rappresaglia, nei suoi confronti, della classe politica travolta da Mani Pulite. Quel suo “non ci sto!” è divenuto proverbiale.