L’ultimo libro che è uscito sulla mistica è Natuzza Evolo. Come Bibbia per i semplici (San Paolo). Natuzza, una popolana analfabeta del luogo, diceva di aver ricevuto le stimmate fin dall’età di 10 anni, di avere il dono dell’ubiquità e di parlare coi morti. Natuzza era anche conosciuta per la sua capacità di parlare con gli Angeli, con i Santi e con le anime dei defunti e per le stigmate che si arrossavano sulle sue mani nel periodo di Quaresima. Per capire cosa si girava intorno al «fenomeno Natuzza» si può leggere un articolo di Micromega del 24 Settembre 2009, dal titolo Stigmate, showgirls e mafia. L’Italia di Berlusconi in un villaggio del Sud di Danilo Chirico e Antonello Mangano. Nel 2013 poi i giornali hanno raccontato di come il cantiere per il santurario voluto da Natuzza, Villa della Gioia,  fosse sotto il controllo di alcuni boss delle ‘ndrine.