Erminio Macario (1902), uno dei comici più geniali e versatili del Novecento italiano, cominciò la sua carriera, giovanissimo, come “scavalcamontagne”, come venivano chiamati in piemontese i teatranti che giravano per valli e monti per mettere in scena i loro pezzi di teatro popolare. La sua fortuna è stata fatta dalla rivista, poi, durante il fasciamo, dal cinema. Infine, nel dopoguerra, fu protagonista di Carosello e di molti speciali in Rai, anche se il teatro rimase sempre la sua grande passione.