Sono parole contenute nell’ultimo editoriale del fondatore e per parecchi anni direttore del quotidiano Il manifesto, pubblicato il 24 Aprile 2003. Oggi c’è una Fondazione che porta il suo nome.