Mino Martinazzoli, segretario della Democrazia Cristiana, scioglie il partito fondato nel 1942 e costituisce il Partito popolare italiano (stesso nome di quello fondato da don Luigi Sturzo lo stesso giorno del 1919).