L’episodio riportato nel libro (p. 575) è ricordato da Pino Aprile in Il Sud puzza (Piemme, 2013) e nel libro di Renzo Agasso su Don Italio Nessuno escluso, mai! (Edizioni Paoline). Don Italo Calabrò è un sacerdote di Reggio Calabria, molto di tumore a 64 anni nel 1990. Personalità eccezionalmente dotata, ricopre vari ruoli di responsabilità ecclesiale a livello regionale e diocesano. Nel dopo Concilio, collabora con la nascita della Caritas nazionale. Ma svolge il suo ministero sacerdotale di preferenza tra i più poveri e svantaggiati della vita: handicappati, persone con disagi psichici, orfani…