Il 6 Agosto 1982 il ministro del Tesoro, Nino Andreatta, avvia la liquidazione dell’Ambrosiano. Comincia poi il processo per la bancarotta. Il Vaticano uscirà indenne perché non è perseguibile per la legge italiana. Verserà 300 milioni di dollari come atto di buona volontà.