Il corsivo è tratto da Giuseppe Fava, L’ultima estate senza i missili, I Siciliani, Settembre 1983. Era il 1983 quando a Comiso (Ragusa) venne attivata la base militare, casa del 487° TMW. Era un periodo di grandi tensioni internazionali, la guerra fredda era in pieno svolgimento e l’obiettivo della Nato era quello di contrastare le forze dell’est, Russia in testa.

In quel periodo nello scalo militare arrivarono i missili nucleari a gittata media Cruise che scatenarono proteste incandescenti dei pacifisti e di buona parte della comunità ragusana.

Nel Marzo del 1991 nella base siciliana di Comiso (Ragusa), smantellati i missili nucleari a gittata media Cruise, dopo 8 anni dall’attivazione della base militare. Analoghe polemiche oggi suscita la costruzione, a Niscemi, all’interno della base Nato, di un’antenna per le comunicazioni militari mondiali, chiamata