Guido Rossa (1934) è stato un operaio e sindacalista italiano, assassinato durante gli anni di piombo dal gruppo terroristico delle Brigate rosse. Appassionato di montagna, Rossa è anche ricordato per la sua attività di alpinista, di fotografo e per il suo impegno nel Club alpino italiano. Il Gennaio del 1979 è costellato di omicidi. I terroristi di Prima linea hanno ucciso a Torino l’agente di custodia Giuseppe Lorusso; neofascisti hanno assaltato una sede della Dc, negli scontri con le forze dell’ordine è morto il giovane missino Alberto Giaquinto, poche ore dopo estremisti di sinistra hanno ucciso Stefano Cecchetti sospettato di essere un fascista. Nel 2005 il regista Giuseppe Ferrara, anche in concomitanza con il centenario della Cgil, realizza una pellicola cinematografica sulla vita di Rossa ed il suo drammatico assassinio dal titolo Guido che sfidò le Brigate Rosse.