Gianni Brera su Meazza: «Grandi giocatori esistevano al mondo, magari più tosti e continui di lui, però non pareva a noi che si potesse andar oltre le sue invenzioni improvvise, gli scatti geniali, i dribbling perentori e tuttavia mai irridenti, le fughe solitarie verso la sua smarrita vittima di sempre, il portiere avversario”. Porta il suo nome lo stadio di Milano, il pù grande d’Italia. Il sito che ne ricorda le gesta è www.giuseppemeazza.it