Bruno Vespa ne “Il cuore e la spada” ricorda anche che Spadolini era appassionato di pastasciutta (la sua mole era enorme) e di televisione.