Personaggio ruvido e ironico, Giovanni Arpino non fu solamente un brillante e raffinato scrittore, ma vivace polemista e cronista sportivo: un “narratore di storie” del suo tempo, abile nel muoversi con disinvoltura fra letteratura e giornalismo.