Scrive Luigi Mascheroni su Il Giornale del 17 Novembre 2006: «Per Porcaro le porte dello spettacolo si aprirono grazie a un grande amico che si chiama Gianfranco Funari il quale lo scaraventò sul palco del Derby con il suo gruppo, I mormoranti, che divideva con Bruno Gracieffa e il (futuro) cantautore Fabio Concato. Titolo del primo spettacolo: Da dove vieni tu?. La risposta è: Non lo so, ma so dove voglio andare, lontano. Infatti arriva La Tappezzeria, anno 1977, uno spettacolo teatrale di Enzo Jannacci e un signore che si chiamava Beppe Viola. Poi il passo dal teatro al cabaret, sempre con l’amico «Dieco», Mauro Di Francesco e poi Boldi, Teocoli, il (futuro) romanziere Giorgio Faletti. E Jannacci. Anche quando la grande stagione del Derby si chiude e il gruppo di amici sulle orme dei Gatti di Vicolo Miracoli salta dal cabaret al cinema, alla fine dei Settanta, non fu più come prima per Giorgio Porcaro.

Tra il ’79 e l’83, ai tempi del leggendario b-movie all’italiana, infilò cinque film uno dietro l’altro. Fu anche coinvolto in un’inchiesta per spaccio di droga al Derby.