Grande amico di Pasolini, Caproni. Le sue esequie brilleranno per l’assenza sia del Comune di Roma sia delle autorità dello Stato. Ci sono voluti venti anni prima che le istituzioni gli dedicassero una targa. La poesia citata nel libro (p. 563) è Disdetta.