Diventò famoso producendo Riso amaro (1949) di Giuseppe De Santis dove lanciò la futura moglie Silvana Mangano. I consensi ottenuti lo incoraggiarono a ideare, pellicole di respiro internazionale come Ulisse, Guerra e pace, La tempesta. Batte un record vincendo l’Oscar del film straniero per due anni di seguito con altrettanti capolavori del suo amico Fellini, La strada e Le notti di Cabiria. Nel 1973 si trasferì a sorpresa negli Usa, dove produsse film come Serpico di Sidney Lumet e I tre giorni del Condor di Sydney Pollack e kolossal come King Kong di John Guillermin, Flash Gordon di Mike Hodges e Ragtime di Milos Forman.