19 Gennaio 2014, bambino. È una storia atroce quella di Nicola Campolongo, il piccolo Cocò il cui corpo è stato trovato a Cassano Ionio, nel Cosentino, arso sul seggiolino della sua auto dopo che qualcuno aveva ucciso lui, suo nonno Giuseppe Iannicelli e la ventisettenne marocchina Ibtissam Touss che era con loro Cocò aveva tre anni, ma già aveva vissuto la tragedia del carcere nel penitenziario di Castrovillari insieme alla madre. E nel corso di quella detenzione ha dovuto assistere con lei, nel’ aula bunker del penitenziario del Pollino, all’udienza del processo antimafia che la vede imputata in qualità di appartenente a una presunta organizzazione dedita al traffico di stupefacenti.