La morte emoziona i manifestanti, che partecipano in massa ai funerali di Labate. Nei giorni seguenti la guerriglia urbana si fa sempre più cruenta, con il tentativo di assalto alla questura, l’incendio della stazione ferroviaria di Reggio Lido, l’interruzione delle strade. I disordini si estendono anche a diversi centri della provincia reggina; particolarmente grave è il blocco di Villa San Giovanni, unica via di collegamento con la Sicilia.