Otto etti di esplosivo da mina scoppiano in una pentola a pressione sotto il porticato di piazzale Arnaldo. Nel vile attentato perde la vita Bianca Gritti Daller, insegnante di tedesco, mentre le schegge feriscono una decina di persone. L’allora brigadiere dei carabinieri Giovanni Lai, nel tentativo di spostare l’ordigno, è ridotto in fin di vita, ma si salva dopo una lunghissima permanenza in ospedale. Era il 16 dicembre 1976.