Informazioni tratte da La Repubblica del 28 Gennaio 2000. Labruna (1927) è stato capitano dei carabinieri (in pensione col grado di colonnello), dal 1967 al Sid (Servizio informazioni Difesa) dove divennne responsabile del Nucleo operativo diretto (Nod).

Coinvolto nell’inchiesta sulla strage di piazza Fontana: arrestato il 29 marzo 1976 con il suo dirigente, il generale Gian Adelio Maletti, condannato ai processi di Catanzaro e a Bari: aveva fatto fuggire dall’Italia alcuni neofascisti ricercati tra i quali Guido Giannettini.