Negli anni ottanta fu il primo a proporre un disegno di legge per l’introduzione del sistema elettorale maggioritario. Antonio Baslini era un tipico rappresentante della più solida borghesia milanese. Nel curriculum con l’elezione in cinque legislature (1963-1987), ci sono anche nomine a sottosegretario agli esteri, a presidente di commissioni e firme ad altre leggi fra cui quella per l’ora legale.