Il 13 giugno 1914 nasceva, a Roma, Anna Maria Ortese (che morì poi a Rapallo, Genova, il 9 marzo 1998). Scrittrice apprezzatissima, di lei dice la Treccani che “si affidò sempre alle sollecitazioni del mondo esterno, di un realtà con cui si è sentita eternamente «in polemica», in un bisogno estremo di sincerità. Ha oscillato tra l’inchiesta giornalistica e l’invenzione narrativa, rifiutando programmi ideologici o di poetica”. Di questa oscillazione tra inchiesta giornalistica e invenzione letteraria abbiamo testimonianza nei molti libri che ci ha lasciato, tra cui Il mare non bagna Napoli.