Altiero Spinelli (1907), Nel ’24 iniziò la sua militanza nel Partito comunista, fu condannato al confino, ma riuscì a sfuggire dandosi alla vita clandestina nel nord Italia. L’anno seguente fu però arrestato e condannato a quasi diciassette anni di carcere per attività sovversiva. Nel confino di Ventotene Spinelli elaborò le tesi che condurranno alla stesura – nella primavera del ’41 del Manifesto per un’Europa Libera e Unita, noto come Manifesto di Ventotene. Caduto Mussolini, il 4 agosto 1943 Spinelli fu liberato. Il 27 e 28 agosto 1943, a Milano, fondò il Movimento Federalista Europeo. Rientrato quindi in Italia, prese parte alla Resistenza.

Finita la guerra, il Movimento federalista di Spinelli influì nell’azione del governo di Alcide De Gasperi per l’elaborazione – da parte dell’Assemblea allargata della CECA – dello statuto della Comunità europea. Nel 1970, fu nominato membro della Commissione esecutiva della CEE. Nel decennio ’76-’86 è deputato europeo e, nel 1984, è chiamato a presiedere la Commissione istituzionale.