Alibrandi, militante nel Fronte della gioventù del Movimento sociale italiano, nel 1977 abbraccia lo spontaneismo armato con i NAR con cui sarà protagonista di una stagione di violenze fino alla sua morte avvenuta durante un conflitto a fuoco con le forze dell’ordine, il 5 dicembre del 1981 nel quartiere Labaro a Roma.