E’ Bruno Vespa che su Il Cuore e la spada definisce Giulio Andreotti l’Alberto Sordi della politica italiana.