Albe Steiner, con uno stile caratterizzato dalla continua ricerca di massima chiarezza e leggibilità del linguaggio visivo e da un’assenza di formalismi, nonché convinto sostenitore della necessità di una relazione tra arte e impegno politico e sociale, è stato una figura di riferimento per la grafica italiana degli anni cinquanta e sessanta. Comunista, organico al Pci, era nipote di Giacomo Matteotti. Tra i suoi volumi  Il mestiere di grafico, per Einaudi, Nel 2013 Marzio Zanantoni ha pubblicato Albe Steiner. Cambiare il libro per cambiare il mondo, Unicopli.